Pera

pere

pere

La pera deriva dalla stessa famiglia dell’albero del melo e dell’albicocco. A seconda della varietà assume diverse forme, grandezze e colori. In generale la pera ha una forma tondeggiante e allungata, con una buccia rugosa che racchiude la polpa con le sclereidi, cellule simili a semi. Tra le più comuni:

Williams è la più coltivata in Italia, ha una polpa succosa e molto zuccherina.

Abate di forma allungata con una buccia verde chiaro-gialla.

Kaiser o Imperatore Alessandro, si contraddistingue dalle altre per il suo color marrone tabacco, ramato.

Spinella con una buccia rossa punteggiata e una forma piriforme.

William rossa con peduncolo piccolo e sono utilizzate soprattutto per sciroppi e succhi.

Decana con una buccia giallo-verde è utilizzata soprattutto nelle marmellate.

Conference con peduncolo lungo e una buccia giallo-verde con punteggiatura color ruggine

Coscia chiamata anche coscia di monaca, ha la polpa granulosa e la buccia verde-gialla.

Martin-sec ha un colore marrone e la parte rossa arrossata dal sole, ideale per le cotture.

Stagionalità

Esistono varietà invernali che si possono trovare fino a febbraio mentre fanno parte delle pere estive che si trovano a luglio, la williams, la coscia e la williams rossa.

Acquisto

Devono essere sode, con picciolo integro, attaccato e verde. Senza ammaccature.

In cucina

La pera si può utilizzare per accompagnare pietanze dolci, come salse o salate come ad esempio composte o mostarde. Tipica nella preparazione di torte come quella al cioccolato o come quella alla ricotta. Si può mangiare cruda ma anche nelle insalate e in abbinamento a formaggi.

Ricca di…

La pera è indicata nelle diete iposodiche, è ricca di zuccheri semplici come il fruttosio che favoriscono subito il senso di sazietà. Grazie alla quantità di fibre, regolarizza l’intestino ed è soprattutto indicata per anziani e bambini per l’alta digeribilità. Contiene inoltre vitamina C, sali minerali, rame e potassio.

Fonte dell’ immagine: Freshplaza

, ,

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento